quarup cante el’ Nord

 

 

 

 

 

 

 

Renaud, Dù Qu’i Sont

Dù qu’i sont tout’s chés compagnies ed’ mineurs
Qui allottent ed’ sous terre faire ech’ dur labeur
Au pic, à ltriv’laine, rassaquer ech’ carbon
A l’abattache, au herchache, dù qu’i sont ?

Dù qu’i sont tous les mineurs du grand saquache
A l’bowette, à front ed’ talle, à l’accrochache
Méneux ed’ quévaux, raccommodeux, porions
Nou pères, nou hardis taïons, dis dù qu’i sont ?

Dù qu’i sont chés rires ed’ chés filles à gaillettes
Oubliant leu peines pour einn’amourette
Au moulinache, ouvrant comme chés garchons
Nou lampistes et leu taillettes, dù qu’i sont ?

Dù qu’i sont, i vous d’mind’ront un jour vou gosses
Les souv’nirs ed’chés gins qui allottent à l’fosse
Pus d’chevalets, pus d’terrils, et pus d’corons
‘vous lamint’rez aussi, dù qu’i sont ?

Dù qu’i sont tout’s chés compagnies ed’ mineurs
Porions, galibots, calins, ou ingénieurs
Lampistes, filles à gaillettes, carrieux d’carbon
Nou terrils, nos molettes, dis dù qu’i sont ?

Dù qu’i sont chés bons jonnes ed’douze tréize ans,
Au fond pousseux ed’ barrous, les pieds in sang,
Au jour trieux ed’ caillaux et d’bon carbon,
Nou z’archelles ed’ galibots, dù qu’i sont ?

Dù qu’i sont les Sainte Barbe et les ducasses
Les fêtes ed’ famille, les guinces, les fricasses
Loin d’chés grèv’s et d’chés accidints du fond
El’tarte à gros bords, les canchons, dù qu’i sont ?

Dù qu’i sont les viux corons ed’ chés mineurs
Dù qu’in partageot insonne les bonheurs,
L’amitié all’ s’trouvot sus l’seul ed’chés masons
Les bons momints à ch’pignon, dis dù qu’i sont ?

I sont rintrés dins l’légende ed’ nou sièque
A l’fosse nou pères ont souffert, ont péri
Leu durts misères méritent qu’in les respecte
Conservons leu chevalets, et leu terrils.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dove sono

Dove sono tutte le squadre dei minatori,
che andavano sotto terra a sgobbare,
col piccone, con la trivella, a estrarre il carbone,
ad abbatterlo, a sminuzzarlo, dove sono?

Dove sono tutti i minatori della fatica immensa,
nelle gallerie, sul fronte di taglio, all’aggancio delle aste di
perforazione, conduttori di cavalli, aggiustatori, capisquadra,
i nostri padri, i nostri coraggiosi antenati, di’, dove sono?

Dove sono le risa della ragazze addette alla pezzatura,
che dimenticavano le loro sofferenze per un amore qualunque
addette allo sminuzzamento, a lavorare come i ragazzi,
le nostre lumaie e il loro temperino, dove sono?

Dove sono, vi domanderanno un giorno i vostri bimbi,
i ricordi della gente che scendeva nella fossa,
senza più torri di manovra, senza discariche e senza case,
così direte piangendo: dove sono?

Dove sono tutte le squadre dei minatori,
capisquadra, carusi, ragazzini o ingegneri,
lumaie, addette alla pezzatura o al trasporto dei carretti di carbone,
le nostre discariche, le nostre pulegge, dove sono?

Dove sono quei bambini di dodici-tredici anni,
nel buio della miniera a spingere i vagoncini, i piedi nel sangue,
alla luce del giorno a far la cernita delle pietre, a scegliere il carbone,
i nostri bambini che facevano commuovere gli operai, dove sono?

Dove sono le Sante Barbare e i parchi giochi,
le feste in famiglia, le sbronze, gli sbaciucchi,
lontano dagli scioperi e dagli incidenti della miniera,
la torta con la crosta alta, le canzoni, dove sono?

Dove sono i vecchi quartieri dei minatori,
dove si condividevano insieme i tempi buoni,
l’amicizia si incontrava sulla soglia di casa,
i momenti felici in cerchio, dove sono?

Si sono ritirati nella leggenda del nostro secolo,
nella miniera i nostri padri hanno sofferto, sono morti,
la loro triste sorte merita il nostro rispetto,
ricordiamo le loro torrette di manovra e le loro discariche.

————————————————————————————-

– Il patois Ch’ti è il dialetto francese parlato nella regione del Nord-Pas de Calais.
– “Abbattere il carbone” vuol dire far franare il fronte del materiale grezzo, per poi trasportarlo e raffinarlo (le mie origini sarde del sud, altra storica terra di miniere, sono salve).
– “Lumaie” è il termine popolaresco che anche i paludatissimi compilatori di dizionari di quei tempi raccomandavano, al posto di “lampiste”: addette all’illuminazione.

Senza categoria

Comments are closed.