I Mostri

Adesso lui c’è, e non saprei come dire quanto sia stato atteso, e certamente troppo desiderato, l’inedito dal passato. Di certo raccoglie scritti di uno che con i libri (verrebbe quasi da dire “con gli altri libri”) aveva il giusto rapporto, lieve e folle e alle volte straziante. Per chi vuole sapere cosa intendo, bastano i primi versi della Metamilonga di Gassman:

Rodolfo Wilcock: non so d’altra mente
più geometrica e più mercuriale;
non so se mai ci fu intellettuale
tanto
mortuariamente intelligente.

Per chi vuole saperne di più, basta mettersi alla caccia dei suoi consimili (o studiare esorcismo a Palinuro)

 … eppure sono tutti d’accordo nel riconoscere che è bellissimo.

Senza categoria

Comments are closed.